Metodo: kry Campione: 1 ml di siero (è possibile anche l’uso di plasma EDTA o eparinato)
Tempo di refertazione: 6 gg  

 

Note:

Il Tritest è la valutazione computerizzata della probabilità di anomalie cromosomiche (Down) e di difetti del tubo neurale calcolato mediante i dosaggi sierici di:

  • alfafetoproteina,
  • beta-HCG,
  • estriolo libero.

L’esame prende in considerazione anche l’età materna ed i parametri biometrici ecografici fetali. Possibilità di falsi positivi e negativi. Il paziente va informato dei limiti della metodica.

Per evitare discrepanze tra la settimana calcolata sulla mestruazione e quella ecografica, è opportuno effettuare un’ecografia nei giorni precedenti il test.

Il tritest può essere eseguito tra la quattordicesima e la ventesima settimana di gravidanza anche se è preferibile effettuare il prelievo intorno alla sedicesima settimana.

Digiuno da 12 ore.

Esami collegati: Estriolo Libero, Alfafetoproteina, Beta-HCG.

Studi retrospettivi compiuti in numerosi centri di ricerca hanno dimostrato che esiste una correlazione tra le concentrazioni ormonali materne dell’Alfa-fetoproteina, dell’estriolo libero, della Beta-HCG ed alcune anomalie cromosomiche del feto. Pertanto è stato elaborato un programma computerizzato che, basandosi sui valori ematici di questi tre ormoni, sull’età materna e su altri parametri quali familiarità, peso, età gestazionale effettiva, esprime un indice di probabilità per un’eventuale patologia cromosomica del feto. Selezionando con questo metodo di screening il 5% di tutte le gestanti a rischio, è stato possibile diagnosticare precocemente circa il 60% di tutte le sindromi di Down ed una percentuale ancora maggiore di difetti del sistema nervoso. L’esame si basa su un semplice prelievo di sangue, eventualmente corredato da un’ecografia, da effettuare la sedicesima settimana di gravidanza, anche se è possibile eseguire il test tra la quindicesima e la ventesima settimana gestazionale.

< Torna all’elenco analisi