Metodo: colorimetrico Campione: 1 ml di siero
Tempo di refertazione: 1 giorno Valori di riferimento:

Femmina 37-145 microg/dl

Maschio   59-158  microg/dl

 

Note:

Il ferro sierico viene misurato generalmente con metodi colorimetrici, dopo che il metallo ha formato un complesso con un colorante. La Sideremia è aumentata:

  • nelle sindromi emolitiche;
  • talassemiche,
  • anemia perniciosa,
  • aplasia midollare,
  • anemia sideroblastica,
  • emocromatosi primitiva,
  • terapie trasfusionali prolungate,
  • etilismo cronico,
  • epatite acuta,
  • cirrosi epatiche.

E’ diminuita:

  • nel ridotto apporto di ferro,
  • per aumento delle richieste (gravidanza ed allattamento, ridotto assorbimento, perdita, malattie infettive, neoplasie, infarto miocardico acuto).
  • nell’infiammazione acuta e cronica

Campione: può essere usato il siero; non possono essere usati campioni raccolti in EDTA, Citrato o Eparina. Il dosaggio non va eseguito su sieri emolizzati.

E’ consigliabile eseguire il prelievo a digiuno da 8 ore. Sospendere i farmaci a base di ferro almeno 3-5 giorni prima del test:

  • il desferol, ad una concentrazione superiore a 250 mg/fL, riduce il livello della sideremia;
  • la penicillamina per ogni mg/dL ha un bias negativo dell’8% sul valore della sideremia;
  • l’interferone per ogni 100 mg/dL ha un bias positivo di 20 mg/dL.

Esami collegati: Vitamina B12, Ferritina, Acido Folico, Emocromo, Transferrina Ferritina.

 

< Torna all’elenco analisi