Metodo: chemiluminescenza Campione: 1 ml di siero
Tempo di refertazione: 1 giorno Valori di riferimento:

uomini:                 4,6-65,4 ng/ml

donne:

pre-menopausa :     6,5-42,3 ng/ml

post-menopausa :    5,4-59,1 ng/ml

 

Note:

L’Osteocalcina, proteina a catena singola con p.m. di 5.800D, viene sintetizzata nell’osso dagli osteoblasti ed è la principale proteina della matrice ossea. Presenta un’elevata affinità di legame per l’idrossiapatite. La sua funzione rimane sconosciuta .

La secrezione presenta un ritmo circadiano con uno zenit intorno alle 4 del mattino e un nadir intorno alle 5 del pomeriggio.

E’ incorporata nella matrice dell’osso, ma una piccola frazione dell’osteocalcina neosintetizzata è liberata in circolo e può essere misurata con tecniche immunometriche.

È presente in quantità superiore al normale nei pazienti con:

  • accentuato metabolismo osseo
  • iperparatiroidismo primario o secondario
  • morbo di Paget
  • metastasi ossee

Non esiste accordo circa l’importanza dell’osteocalcina nell’osteoporosi poiché non è stata accertata alcuna differenza significativa fra pazienti osteoporotici e soggetti appartenenti a gruppi di controllo di età comparabile e senza alterazioni scheletriche.

Livelli significativamente ridotti di osteocalcina sono stati invece riscontrati in pazienti con osteoporosi a basso turnover e che presentavano anche ridotta osteopoiesi al test istomorfometrico. La terapia con calcio o con calcitonina può interferire con il dosaggio dell’osteocalcina. L’insufficienza renale e l’iperparatiroidismo primario possono modificare i livelli plasmatici.

Digiuno per almeno 8 ore prima del prelievo e sospensione di ogni terapia nelle 24 ore che precedono il test.

Esami collegati: Fosforo, Calcio Ionizzato, Calcitonina, Calcio, Paratormone.

 

< Torna all’elenco analisi