Metodo: chemiluminescenza Campione: 1 ml di siero
Tempo di refertazione: 1 gg Valori di riferimento:

 

maschi    : 1,5  7        mU/ml

femmine:  1,5  -13     mU/ml      fase follicolare

                  0,8  -16     mU/ml      fase luteinica

                  12 -80       mU/ml     picco meta’ ciclo

                  8,5 86,5    mU/ml     menopausa

 

 

Note:

L’LH (ormone luteotropo) è una glicoproteina costituita da due subunità, la alfa e la beta. La catena beta conferisce la specificità immunologica all’ormone anche se esiste una similarità strutturale con la catena beta della gonadotropina corionica. Viene prodotto dalle cellule basofile del lobo anteriore dell’ ipofisi, sotto il controllo pulsatile dell’ormone ipotalamico GnRH.

L’ attività delle ghiandole ipotalamica ed ipofisaria è regolata a sua volta, dal livello degli steroidi gonadici circolanti. Nel ciclo riproduttivo normale questo ormone ha un andamento caratteristico, il cui elemento più evidente è un picco con

  • livelli ematici generalmente superiori a 40 mU/mL, che segue di 14-24 ore quello degli estrogeni;
  • precede di 12-16 ore l’ovulazione;
  • l’inizio del picco precede l’ovulazione di 32-36 ore.

Nell’uomo agisce come stimolo per la spermatogenesi e la produzione di testosterone.

Nell’uomo l’aumento è dovuto ad ipogonadismo primitivo:

  • con cariotipo normale (da castrazione, postorchitico, da irradiazione, agenesia testicolare, aplasia germinale)
  • e con cariotipo anormale (sindrome di Klinefelter, sindrome di Turner maschile).

E’ diminuito nell’ipogonadismo ipotalamo-ipofisario.

Nella donna è aumentato per insufficienza ovarica primitiva congenita (sindrome di Turner, sindrome di Morris) e acquisita (cisti, malattia policistica, neoplasie, irradiazione).

E’ diminuito nell’insufficienza ovarica secondaria a malattie ipofisarie, alterazioni neuroipotalamiche e malattie sistemiche.

La somministrazione di androgeni ed estrogeni determina una diminuzione dei livelli di LH.

In caso di disordini mestruali trattati con estro-progestinici è consigliabile eseguire il monitoraggio mensile dell’LH, dopo interruzione, il mese successivo al primo flusso spontaneo.

Tutti i farmaci che possono interferire con i livelli di LH debbono essere sospesi 48 ore prima del test.

Esami collegati: FSH, 17-beta-Estradiolo, Progesterone, Prolattina, Testosterone, Deas, Androstenedione, DHT, Liquido Seminale.

 

 

< Torna all’elenco analisi