Metodo: Immunoenzimatico Campione: 1 ml di siero
Tempo di refertazione: 2 gg Valori di riferimento:  Assenti < 12  U/ml

                                   Borderline  12 – 18  U/ml

                                     Presenti  > 18  U/ml

La Cardiolipina è una sostanza che funziona come substrato antigenico per reagine od anticorpi antitreponema e lupus anticoagulant (LAC).

E’ importante nella diagnosi differenziale di trombosi ricorrenti, sindromi lupus-like, falsi positivi della VDRL e nei casi di aborto spontaneo ricorrente.

La presenza di anticardiolipina è associata con trombosi spontanea ed episodi trombotici (es. tromboflebiti o trombosi cerebrospinali.), con aborti spontanei ed infarti placentari.

Antibiotici, anti-DNA, cloropromazina, clofibrati, etosuccimide, griseofulvina, idralazide, isoniazide, mefenitoina, metildopa, metisergide, contraccettivi orali, acido para-aminosalicilico, penicillina, fenilbutazone, fenitoina, procainamide, propiltiouracile, chinidine, diagnostici radioattivi, streptomicina, sulfonamide, tetraciclina e trimetadione sono tutti farmcaci che possono causare false positività del test.

E’ consigliabile eseguire il prelievo a digiuno da 8 ore dopo sospensione di tutti i farmaci nelle 72 ore che precedono il test.

Non calcolare il rapporto se i trigliceridi sono di valore superiore a 400 mg/dL. Patologie ostruttive epatiche alterano i risultati. I farmaci antiiperlipidemici interferiscono sul dosaggio. E’ consigliabile eseguire il prelievo a digiuno da 8 ore dopo sospensione di tutti i farmaci nelle 72 ore che precedono il test. Il paziente dovrebbe seguire una dieta stabile nelle 2 settimane precedenti il prelievo. Non eseguire il dosaggio nei 3 mesi successivi ad un infarto del miocardio. Il dosaggio degli ENA è di fondamentale importanza nella diagnosi differenziale tra lupus erithematosus sistemico e connettivite mista, nei casi di LES con ANA negativi e nella sindrome da anticorpi antifosfolipidi. Sono presenti in circa il 40% di soggetti affetti da LES. Si riscontrano anche in caso di lupus discoide, artrite reumatoide, sindrome di Siogren, nel lupus indotto da farmaci, nella connettivite mista. Gli ENA 3 ed ENA 4 sono presenti nella sindrome di Siogren, nel lupus neonatale e nelle forme di lupus ANA negative. Nei casi di positività agli ENA 3 ed ENA 4 si ha spesso una VDRL falsamente positiva, un PTT prolungato e tendenza alla trombosi. In questi pazienti è presente anche una positività agli anticorpi anticardiolipina (sindrome da anticorpi antifosfolipidi). Il livello di anticorpi non è collegato alla durata ed alla severità della malattia. E’ consigliabile il digiuno di 12 ore.

Esami collegati: Anticorpi Anti Nucleo (ANA), Anticorpi Anti Muscolo Liscio, Anticorpi Anti Muscolo Striato, Anticorpi Anti Nucleo (ANA), Anticorpi Anti DNA

< Torna all’elenco analisi